MENUMENU
Home » Abbigliamento Online » Noleggio abiti nel futuro della moda: paghi un fisso e prendi ciò che vuoi
30 ottobre 2018
Abbigliamento Online

Noleggio abiti nel futuro della moda: paghi un fisso e prendi ciò che vuoi

Oggigiorno per quanto riguarda la moda siamo abituati allo shopping. Acquistiamo, riceviamo o portiamo a casa i capi di abbigliamento che preferiamo e li indossiamo più e più volte, fino a quando decidiamo di rinnovare il guardaroba. Ma cosa accadrebbe se potessimo avere a disposizione un noleggio abiti continuo, senza preoccuparci del prezzo e indossando quello che vogliamo quando vogliamo?

Il futuro della moda sembra essere proprio il noleggio e, anche se in Italia questa realtà è ancora poco conosciuta, in altri paesi al mondo è già un caso di successo. E non si parla solo di noleggiare degli abiti per le cerimonie, come ad esempio smoking e vestiti da sera, ma l’abbigliamento di tutti i giorni. Lo shopping a cui oggi siamo abituati, domani potrebbe vestirsi di nuovi significati.

 

Il noleggio abiti: dall’utopia alla realtà

 noleggio vestitiDall’Asia agli Stati Uniti sono molte le aziende che hanno iniziato ad offrire servizi di noleggio abiti per tempo libero e lavoro, oltre ai costumi in maschera e ai vestiti per ricevimenti o per occasioni particolari. Questo significa di fatto smettere di fare shopping nel modo convenzionale.

L’idea sembrava impossibile fino a qualche tempo fa. Le compagnie impegnate in questa rivoluzione culturale però sono già molte. Le più famose sono la cinese YCloset, Le Tote di San Francisco e Girl Meets Dress nel Regno Unito a Londra. Fra le più quotate troviamo poi anche Rent-to-runaway direttamente da New York. Quest’azienda ha attivato il servizio già nel 2009 con l’intento di “mettere fuori mercato H&M e Zara” come racconta alla BBC la cofondatrice di Rent-to-runway.
Basta scegliere un pacchetto proposto dall’azienda, pagare una tariffa mensile fissa e noleggiare un numero di vestiti da utilizzare solo per il tempo che si desidera. Poi si può noleggiarne altri. In definitiva questo fenomeno è paragonabile ad uno Spotify della moda.

 

Vantaggi di questo innovativo noleggio abiti

Innanzitutto il beneficio più grande per le persone comuni è il risparmio. Come ci tengono a precisare le aziende già operative, chi sceglie di noleggiare un vestito invece di acquistarlo arriva a spendere la metà. Questo vale soprattutto per il guardaroba d’affari. Questo è il campo in cui la cinese YCloset sta puntando molti dei suoi investimenti, per persuadere le donne cinesi a dare maggiore importanza a ciò che indossano nella loro vita professionale.
Il secondo impatto positivo è sull’ambiente. Il mercato del fashion purtroppo è fra quelli a più elevato impatto ambientale. Noleggiare consentirebbe invece di creare un circolo più sostenibile, riducendo il fenomeno dell’usa e getta.

Inoltre, un ulteriore vantaggio del noleggio è la possibilità di indossare capi di design e di qualità, firmati dai migliori brand, senza dover spendere una fortuna. Molte di queste aziende stanno infatti puntando sul concetto di abbigliamento casual, da indossare tutti i giorni, oppure solo nel fine settimana, per un aperitivo o una festa. Al momento i membri iscritti sono di alcuni milioni per ognuna delle aziende menzionate. Non tutti però utilizzano le piattaforme regolarmente.

Questo dato è indicativo del fatto che un servizio come quello offerto suscita molta curiosità. Questo a maggior ragione nel Regno Unito dove Girl Meets Dress ha deciso di puntare sul noleggio di abiti firmati. Del resto i primi risultati incoraggianti si sono già visti: se prima la clientela noleggiava di media un abito all’anno, oggi si arriva già a due noleggi per settimana. E in Italia, capitale del fashion, quale sarà il destino del noleggio abiti? Di sicuro il futuro riserva delle piacevoli sorprese in fatto di moda!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>